I PROTOTIPI – parte seconda

LE TRE BAT

Le tre BAT (acronimo di Berlinetta Aerodinamica Tecnica) furono costruite da Nuccio Bertone, che incaricò uno dei suoi designer Franco Scaglione per realizzare i bozzetti con il minor  (cx)coefficiente aerodinamico possibile. Esse vennero assemblate su telaio Alfa Romeo 1900 C

Su tutte le tre vetture fu montato un motore da 90 cv che le spingeva fino a 200 Km/h.

Al Salone dell’automobile di Torino del 1953 (la Bat 5) ,1954(la Bat 7) e  del 1955(la Bat 9) stupirono da subito il pubblico. Infatti superarono le aspettative degli stessi sviluppatori raggiungendo un coefficiente cx aerodinamico di 0.19.

Le tre BAT purtroppo non scesero mai in strada , ma portarono ,comunque ,delle innovazioni che caratterizzarono tutti i modelli a seguire.

Nel 2020 , all’asta di Sotheby’s sono state aggiudicate per 14,84 milioni di dollari.

Nel 2008 è stata realizzata un ultimo prototipo Bat 11 (vedi sotto) su meccanica della 8c  competizione.

Alla prossima puntata

2021-03-21T15:50:31+00:00 21 marzo 2021|